Voto: 
7.7 / 10
Autore: 
Gioele Nasi
Genere: 
Etichetta: 
Type Records
Anno: 
2006
Line-Up: 


- John Twells

Tracklist: 


1. The Gate
2. Linseed
3. Drunk on Salt Water
4. Wet Bones
5. Creeping Flesh
6. Savage Ritual
7. A Floating Procession
8. Sinking Cadavers
9. Humid At Dusk
10. Watching A Light In The Distance
11. Briefly Seen
12. Never Going Home

Xela

The Dead Sea

La colonna sonora di un naufragio.
“The Dead Sea” è il terzo disco pubblicato sotto il moniker Xela dall’inglese John Twells, ventiseienne originario di Wolverhampton ma residente a Manchester, artista capace di sfornare un piatto davvero appetibile, in cui vengono unite le atmosfere Drone di “Frosty Mornings And Summer Nights” e le intuizioni acustiche di “Tangled Wool”, ovvero i due precedenti esperimenti di Xela.

Tre quarti d’ora d’atmosfera oceanica compongono “The Dead Sea”, platter in cui è quanto mai alto il rischio di annegare fra le vibrazioni sintetiche o di essere sommersi dagli arpeggi acustici: Twells infatti sfrutta appieno le potenzialità dategli dal suo connubio elettro-acustico, sovrapponendo loop elettronici (“Creeping Flesh”) e drones vibranti (“The Gate”) agli echi di gracchianti field recordings, ed aggiungendo a questi suoni alcune melodie molto semplici di chitarra (“Savage Ritual” o il capolavoro “Humid At Dusk”), violino (“Linseed”) o percussioni (“Wet Bones”).
Ricetta che può apparire poco invitante, ma che rimarrà tale solo per chi soffre di mal di mare: si rivelerà gustosa, invece, per gli appassionati di questi suoni atmosferici, poiché il ‘mare morto’ è capace di ammaliare e catturare come pochi altri elementi della natura: i rintocchi tentatori delle corde ci guidano in pieno oceano, su navi abbandonate, in cui assistiamo a tragedie agghiaccianti, ricreate con maestria e perizia dal musicista britannico (ma anche dal disegnatore dell’inquietante copertina, Matthew Woodson), esperto nel manipolare nastri e glitch per estrapolarne veri e propri brividi sotto forma di onde sonore.

L’atmosfera, veramente oscura e terrorizzante (eredità dei film horror di Argento e –tetra- compagnia cui Twells s’ispira) profuma salsedine e morte, e attirerà sia i fanatici delle atmosfere dense e nebulose del Dark Ambient, sia gli amanti del Drone, che a ondate investe questo cd, ma anche chi apprezza una miscela di questi due generi con un folk free-form angosciante nella sua casualità.
La vecchia ballata di uno scheletrico marinaio echeggia, triste, sopra il rumoroso silenzio degli abissi, gettando un alone di notte e inquietudine attorno a sé: “The Dead Sea” all’ascolto pare davvero essere tutto ciò, ma in realtà non è altro che il nuovo, sontuoso, raggelante disco di Xela. Da non perdere.


LINKS PER L’ASCOLTO:
Linseed
Drunk on Salt Water
Savage Ritual
Humid At Dusk


NUOVE USCITE
Crampo Eighteen
Autoprod..
BeWider
Autoprod..
Disemballerina
Minotauro
Adam Carpet
Irma Records
The Flying Madonnas
Factum Est
La Bottega del Tempo a Vapore
Minotauro/Markuee
Accesso utente