Mole Moonwalktet | Manuale Per Funamboli | RockLine.it
Voto: 
6.5 / 10
Autore: 
A. Giulio Magliulo
Etichetta: 
Reddarmy
Anno: 
2014
Line-Up: 

01. Cinemomowa  

02. Mi piaci se taci

03. Il palinsesto

04. Megadrive

05. Infanzia ubriaca

06. Ivana

07. Il cinismo e l’ironia

08. Voi non sapete cos’è l’amore (pt.1)

09. Voi non sapete cos’è l’amore (pt.2) 

10 Minimo Comune Multiplo

11 Che vai cercando

12 Megalomanie diffuse 

13 Lo Sposaliscio 

14 Capodanno a New Orleans 

15 Blu Elettrico

Tracklist: 

Mole (testi, voce, elettronica, percussioni)

Ruggi “Clifton” Burigo (chitarra)

Giovanni “John” Zanon (piano, piano elettrico, organo, synth)

Andrea Ki (basso elettrico)

Stefano Funes (batteria, batteria elettronica)

Simone Saviane (sax alto e soprano)

Mole Moonwalktet

Manuale Per Funamboli

Nel Manuale Per Funamboli, secondo album per i Mole Moonwalktet, niente è quello che sembra.

Il più languido blues, ad esempio, può trasformarsi in un funkettone all'italiana anni '80, di quelli che hanno fatto 'pariare' più di una generazione per poi finire in trionfo New Orleans.

In certi casi il funky sottolineato da chitarre stoppate in “wah-wah mode” nasconde nervosi fiati jazz che fanno capolino e si arriva perfino a delineare un'ipotesi di crossover tra generi hot.

Perchè il calore generale è uno degli elementi fissi in questo sapiente meltin'pot che non teme di lambire perfino l'esotico da 'club tropicana'.

Ironia ovviamente a iosa che diversamente non si potrebbe suonare o concepire musica così.

Quanto soul, jazz e fusion hanno ascoltato i Mole Moonwalktet. E quanto hanno amato il funky ed il rock eclettico di scuola zappiana, di quello che dietro la sua apparenza benevola e sorniona nasconde e partorisce fior fiori di musicisti, di quelli che poi sanno suonare tutto e benissimo. E poi c'è quella teatralità tutta italiana nella voce di Mole (siamo o no il paese dei Conte, Buscaglione e Capossela..suvvia) che conferisce valore aggiunto a questi discorsi musicali.

Dovrei dire poi che tutti i musicisti sono sopraffini, confermato dai solo di sax di Simone Saviane alla intrigante, curiosa e versatile chitarra di Ruggi 'Clifton' Burigo (che sembra conoscere bene anche gente come Vai e Satriani) e soprattutto i tasti di Giovanni 'John' Zanon dai sapori piacevolmente vintàge.

Non un disco per tutti però. Non lo consiglierei ai giovanissimi che non apprezzano elevate concentrazioni di istrionismo perché più orientati verso suoni à la page, sicuramente sì a coloro che adorano ascoltare piccole storie raccontate con grande perizia strumentale, fantasia e senso dell'invenzione.   

NUOVE USCITE
Filastine & Nova
Post World Industries
Montauk
Labellascheggia
Paolo Spaccamonti & Ramon Moro
Dunque - Superbudda
Brucianuvole
Autoprod.
Crampo Eighteen
Autoprod..
BeWider
Autoprod..
Disemballerina
Minotauro
Accesso utente